Sicurambiente

consulenza al servizio dell'ambiente

consulenza ambientale & sicurezza sul lavoro

 supporto e assistenza ai fini dell'adeguamento normativo in materia di ambiente e sicurezza sul lavoro 

al servizio di imprese, istituti, enti pubblici e privati

VALUTazione impatto acustico

 scopri il nostro servizio di consulenza

  1. quadro normativo di riferimento
  2. soggetti obbligati
  3. adempimenti
  4. sanzioni

 

1° sezione: normativa di riferimento (elenco leggi in ordine cronologico):

Normativa nazionale

  • D.P.C.M. del 01/03/1991
  • L. n.447 del 26/10/1995 (legge quadro sull'inquinamento acustico)
  • D.P.C.M. del 14/11/1997
  • D.M. 16/03/1998
  • D.Lgs. n.262 del 04/09/2002
  • D.P.R. n.142 del 30/03/2004
  • D.P.R. n.227 del 19/10/2011

Normativa regionale

  • L.R. Abruzzo n.23 del 17/07/2007

 

2° sezione: soggetti obbligati

  • tutte le attività e le opere ricomprese nell’elenco di cui all’art.8, c.2, della Legge Quadro sull’inquinamento acustico L. 447/95 (aeroporti, autostrade, ferrovie, discoteche, circoli privati, attività ricreative, ristoranti, pizzerie, bar, sale da gioco, palestre, stabilimenti balneari, scuole e asili nido, ospedali, case di riposo, parchi pubblici, nuovi insediamenti residenziali, ecc.). 

 

 

 

Sono escluse le attività a bassa rumorosità riportate in allegato B al DPR 227/2011.

 

3° sezione: adempimenti

  • presentazione di una relazione acustica o di un’autocertificazione redatta da tecnico abilitato (per i Comuni che abbiano adottato una zonizzazione acustica del territorio), attestante il rispetto dei requisiti di protezione acustica. Nel caso di nuovi impianti, deve essere prodotta una documentazione previsionale di impatto acustico, contenente l'indicazione delle  misure  previste  per  ridurre  o  eliminare  le emissioni sonore causate dall'esercizio dell’attività stessa.

 

4° sezione: sanzioni

sono previste sanzioni amministrative per chiunque:

  • non rispetti le prescrizioni attinenti il contenimento dell’inquinamento acustico prodotto dalle sorgenti fisse;
  • non sia in possesso di specifica autorizzazione all’esercizio delle attività che si prevede possano produrre valori di emissione superiori a quelli di legge.

 

scopri il nostro servizio di consulenza